Artrosi e gestione dei sintomi

L’artrosi è una delle patologie degenerative più diffusa, colpisce milioni di persone in tutto il mondo e costituisce una delle principali cause di dolore e disabilità.

Ad essere maggiormente interessate sono le articolazioni deputate a sostenere il peso del corpo come ginocchio, anca e colonna vertebrale, ma anche quelle che spesso vengono sovraccaricate in maniera eccessiva a causa dell’attività lavorativa: è il caso delle piccole articolazioni delle mani e più in particolare di quella del pollice (rizoartrosi).

La diagnosi di artrosi si basa sulle manifestazioni cliniche della patologia e confermata attraverso l’esame radiografico.

Tra i fattori di rischio che possono predisporre a tale patologia ci sono:

  • Età: l’incidenza aumenta con l’aumentare dell’età
  • Sesso: più frequente nelle donne dopo i 55 anni
  • Predisposizione genetica:
  • Obesità/sovrappeso: soprattutto per l’artrosi di ginocchio
  • Precedenti traumi articolari
  • Attività lavorativa sovraccaricante

Quali sono i sintomi dell’artrosi e come possono essere gestiti a domicilio?

Solitamente l’artrosi si manifesta con:

  • Dolore articolare (nelle fasi più acute e infiammatorie può presentarsi anche la notte)
  • Gonfiore
  • Senso di rigidità (soprattutto al mattino o dopo un periodo di inattività)
  • Presenza di scrosci o crepitii articolari
  • Limitazione della funzionalità (maggiore difficoltà nelle attività quotidiane)

Cosa possono essere gestiti?

  • Ghiaccio/Calore: nelle fasi infiammatorie l’applicazione del ghiaccio può ridurre la percezione del dolore, mentre nelle fasi in cui la rigidità è il principale sintomo, molti pazienti riferiscono sollievo con l’applicazione di calore
  • Seguire una dieta sana ed equilibrata in grado di garantire un adeguato apporto calorico
  • Perdere peso (nei casi in cui è necessario): oltre a ridurre il carico sull’articolazione riduce la quantità di tessuto adiposo e il suo contributo nell’infiammazione articolare
  • Mantenersi attivi e fare attività fisica regolare: esercizi di ginnastica, camminate, cyclette
  • Evitare di sforzare o stressare eccessivamente l’articolazione dolente


UN CASO CLINICO DI ARTROSI AL GINOCCHIO

Maria B. affetta da artrosi di ginocchio riferisce dolore e rigidità articolare soprattutto che interferisce con le attività della vita quotidiana. La mattina quando si alza percepisce l’articolazione molto rigida e tende a perdere l’equilibrio quando inizia a camminare. La stessa sintomatologia si presenta durante il giorno dopo un po’ che resta seduta sul divano o sulla sedia e la sera il ginocchio risulta essere gonfio e dolente.

La valutazione iniziale ha tenuto conto della storia clinica della paziente, sono stati eseguiti test clinici e tecniche manuali da parte del fisioterapista e sono state valutate la mobilità attiva e la capacità funzionale attraverso l’utilizzo del D-wall e del Walker View.
Inoltre sono state effettuate anche una valutazione ecografica da parte del medico ortopedico e una valutazione del regime alimentare da parte del medico nutrizionista al fine di poter impostare un programma riabilitativo adeguato e completo che tenesse conto anche dei fattori di rischio, quali il sovrappeso. Poiché la paziente presentava anche un quadro clinico di osteoporosi è stato eseguito un accertamento anche dal medico endocrinologo che ha provveduto ad eseguire l’esame della mineralizzazione ossea attraverso la MOC.
Da quanto emerso dalla valutazione, insieme allo staff sanitario abbiamo deciso di impostare il percorso terapeutico articolandolo in diverse fasi:

FASE 1: Controllo del dolore e infiammazione

Sono state eseguite delle tecniche di terapia manuale per la riduzione del dolore e del gonfiore articolari da parte del fisioterapista e dell’osteopata integrandole con l’applicazione di elettromedicali di ULTIMA GENERAZIONE:

  • laserterapia,
  • tecarterapia e
  • ipertermia

per favorire il miglioramento del quadro clinico.
Inoltre sono state eseguite dal fisioterapista tecniche muscolari decontratturanti a carico della muscolatura dell’arto inferiore che a causa del doloro risultava essere ipertonica e dolente. La paziente inoltre ha iniziato subito il recupero funzionale attivo in palestra soprattutto attraverso l’utilizzo del Walker View per il cammino e della cyclette.

FASE 2: Recupero Funzionale

Appena la sintomatologia dolorosa è regredita, sono state eseguite dal fisioterapista e dall’osteopata alcune tecniche di terapia manuale specifiche per il recupero della mobilità articolare e per la riduzione della rigidità riferita dalla paziente.
Il programma di recupero funzionale attivo sotto la supervisione del fisioterapista è stato integrato con esercizi mirati al recupero della forza e dell’elasticità muscolare.
Per far questo l’utilizzo di fitball, elastici, step e pesi è stato combinato con la tecnologia D-wall in grado di fornire attraverso uno schermo hd una costante guida al paziente per una corretta esecuzione degli esercizi. Già in questa fase è stato inserito un programma più globale di esercizi posturali tramite D-wall e Prokin in modo da favorire un più completo recupero funzionale.

FASE 3: Aumento performance motori e stabilizzazione dei risultati terapeutici

Infine la paziente ha continuato il percorso di Medical Wellness al fine di mantenere i risultati ottenuti durante il programma riabilitativo.
Sotto la supervisione del fisioterapista la paziente ha incrementato la difficoltà degli esercizi già appresi nella fase precedente integrandoli in un’ottica più globale di recupero funzionale e posturale attraverso l’utilizzo di D-wall, Prokin e Walker View per incrementare la propria performance motoria e la capacità di gestire il proprio baricentro sia in statica che in dinamica durante il cammino evitando di sovraccaricare l’articolazione del ginocchio.

Durante il percorso il paziente è entrato in contatto con l’Ortopedico, l’Endocrinologo, il Nutrizionista, il Fisioterapista e l’Osteopata.

OPPURE CHIAMA IL NUMERO  075509 0684!

Form di Contatto

4 + 4 =

VMEDICAL SPAZIO SALUTE

Via delle Querce, 15/17 | 06083 - Bastia Umbra (PG)

SCRIVI QUI
In cosa possiamo esserti utili?
Dicci pure
In cosa possiamo esserti utili?